-

lunedì 12 marzo 2012

Cosa distingue un vero leader?

 

La parola leader deriva dal verbo inglese to lead, che significa guidare, condurre, dirigere.

Il leader è colui che sa guidare un gruppo di persone; è colui che conduce la squadra al raggiungimento degli obiettivi; ha leadership colui che non ha dubbi sugli obiettivi da raggiungere e lavora con gli altri per perseguirli.

Avere caratteristiche di leadership, quindi, non è un concetto legato al ruolo della persona, ma un concetto legato all'essere, a quello che si fa e, soprattutto, a come lo si fa.

Data questa definizione, viene da pensare che tutti possono avere leadership in determinate situazioni o in momenti specifici della propria vita, ma sicuramente non tutti hanno la capacità per esserlo, non tutti possiedono quelle che comunemente si definiscono ‘doti di leadership '.

Ma cosa distingue un vero leader?

Ecco di seguito alcuni tratti caratteristici:

• Sa decidere rischiando. Decidere significa scegliere, prendere posizione, privilegiare, acquisire.

• Sa lavorare duro gestendo se stesso ed il proprio lavoro con autocontrollo e resistenza.

• Sa comunicare trasmettendo emozioni positive o negative. Sa ascoltare contribuendo nella buona esecuzione di un compito.

• Sa motivare entusiasmando gli altri, ma soprattutto mostrandosi entusiasta in prima persona.

• Sa lavorare con gli altri creando un gruppo intorno a se e utilizzando tutte le capacità degli altri.

• Sa gestire i conflitti trasformando le critiche in proposte, non pensando alle soluzioni, ma alle alternative, cercando di essere morbidi con le persone e duri con il problema. Non deduce, ma si basa sui fatti.

• Sa comandare. Il comandante deve avere ragione pratica, dare l'esempio, premiare e punire secondo giustizia.

• Sa programmare. Le doti di leadership devono permetterti di affrontare il tempo secondo criteri metodologici, gestirlo attivamente con le tecniche della previsione, della pianificazione e della programmazione.

• Sa innovare. Chi vuole diventare avere leadership deve lavorare con alcuni aspetti, come la curiosità, il piacere ludico, la concentrazione, la tenacia, l'immaginazione.

"Sapere che cos'è la leadership ed esercitarla sono due cose ben diverse".

La differenza fra chi si limita a conoscere le regole della leadership e chi invece sa metterle in pratica nella vita di tutti i giorni sta nel carattere. Sono le qualità personali che danno forza e vigore alle azioni di una persona o, viceversa, ne frenano l'ascesa. Se si osservano i grandi leader, ci si accorge che ognuno di loro possiede queste indispensabili qualità; come una specie di marchio di fabbrica.

Carisma, coraggio, passione, responsabilità, autodisciplina: spetta a ciascun aspirante leader coltivare queste qualità e tirarle fuori. Solo chi ne è capace può sperare che gli altri siano disposti a seguirlo.

Scritto da Susanna Minghetti

link all’articolo http://www.teambuilding-journal.it/index.php?option=com_content&task=view&id=8&Itemid=9

Nessun commento:

Posta un commento